Prestiti a Dipendenti
e Pensionati
Richiedi Preventivo
GRATIS

Prestiti a Dipendenti Pubblici

Prestiti a dipendenti pubblici

Prestiti per Dipendenti Statali e Pubblici, impiegati presso i Ministeri, le Forze dell'Ordine e gli Enti Locali.

Leggi tutto

Prestiti a Dipendenti Privati

Cessione del quinto a statali

Prestiti personali per i Dipendenti di Aziende Private, tramite Cessione del Quinto e Prestito con Delega.

Leggi tutto

Prestiti a Pensionati

Cessione del Quinto a Pensionati

Prestiti per Pensionati, con condizioni esclusive grazie alla convenzione INPS.

Leggi tutto

Hai bisogno di aiuto?

Vuoi maggiori informazioni sui nostri prestiti? Vista le FAQ, richiedi un preventivo gratuito o contattaci.

Numero Verde Prestiter

Prestiter offre finanziamenti con Cessione del Quinto e Prestito Delega a Dipendenti e Pensionati, in tutta Italia.

Ultimi articoli del Blog

Arriva la TASI, nuova imposta sugli immobili. Si tratta di una Tassa sui Servizi Indivisibili, cioè sulle attività che i Comuni offrono a tutta la comunità, come l'illuminazione e la manutenzione delle strade.
Facciamo un po' di chiarezza per orientarsi tra scadenze e rinvii!

TASI imposta casa

Le utenze energetiche rappresentano una voce molto importante del bilancio familiare. A tal proposito, vi proponiamo cinque utili consigli che consentono di ottenere dei significativi risparmi sulle bollette.

Risparmio energetico casa

I Gruppi di Acquisto sono formati da un insieme di persone che si aggregano per acquistare prodotti e servizi a un prezzo migliore. Solitamente il Gruppo di Acquisto si rivolge direttamente al produttore, senza passare per intermediari, in modo da accorciare al massimo la filiera produttiva e ottenere ovvi vantaggi sul piano delle tariffe.

Gruppi di Acquisto

Giovedì, 03 Aprile 2014

Novità sulla prima casa di lusso

Il primo gennaio 2014 è entrato in vigore il nuovo regime delle imposte indirette sugli immobili.
In base alla circolare dell'Agenzia delle Entrate del 21 febbraio 2014, le agevolazioni previste per l'imposta di registro per la prima casa non vengono applicate agli immobili di lusso.

Prima casa di lusso

A breve cambieranno radicalmente le regole relative ai sempre più diffusi contratti a distanza.
Da giugno, infatti, dovranno essere esplicitati tutti i costi, compresi i "poco trasparenti" costi di disattivazione. Vietate anche le commissioni aggiuntive che spesso i venditori impongono ai consumatori che pagano con bancomat o carta di credito. Inoltre, il diritto di recesso passerà da 10 a 14 giorni.

Contratti a distanza

Il convegno Telefisco, organizzato da Il Sole 24 ore, ha aiutato a fare chiarezza su alcuni aspetti controversi della nuova normativa fiscale introdotta nel 2014, grazie all'intervento degli esperti pronti a dare il loro contributo.

I temi di discussione più caldi trattati durante Telefisco sono stati gli immobili e le tasse che li riguardano, con un occhio particolare verso la nuova IMU, la TASI e la IUC, le due nuove imposte che hanno rivoluzionato il sistema fiscale immobiliare.

Casa e imposte

Lunedì, 03 Marzo 2014

Agevolazioni sulla prima casa

Le agevolazioni sulla prima casa sono un insieme di strumenti messi in campo dai governi italiani a partire dal lontano 1982 per garantire la possibilità al maggior numero di famiglie di acquistare un immobile che funga da prima abitazione a condizioni concorrenziali rispetto a quelli di mercato.

Agevolazioni prima casa

Naturalmente, per ottenere queste vantaggi, la legge richiede che l’acquirente soddisfi una serie di requisiti stringenti, a cominciare da quello principale, ovvero non essere in possesso di un’altra abitazione acquistata con tali agevolazioni. Inoltre, l’acquirente non deve essere proprietario di un’altra casa nel comune in cui si trova l’immobile che vuole acquistare, né in senso esclusivo né in comunione con il coniuge. La casa, poi, non deve appartenere alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, che sono quelle che indicano gli immobili cosiddetti di lusso, siano essi ville, appartamenti in condomini o altre tipologie di abitazioni. La legge chiede anche che l’acquirente abbia la residenza nel comune in cui si trova l’immobile ma, qualora non l’avesse, dà a questi la facoltà di ottenerla entro un termine massimo di 18 mesi.

In caso di errori nel versamento delle imposte, è possibile regolarizzare spontaneamente la propria posizione, beneficiando di una sanzione ridotta rispetto a quella normalmente prevista.

L'Agenzia delle Entrate ci spiega come fare in un suo nuovo video.

Pagina 4 di 4