Venerdì, 19 Giugno 2015

Gli Italiani e le vacanze: aumentano i viaggi

Gli Italiani tornano a viaggiare, anche se il bugdet resta basso. 

La ripresa dell'economia si misura anche con le vacanze: le famiglie italiane hanno ripreso a viaggiare dopo gli ultimi anni bui vissuti all'insegna del risparmio.

Infatti una delle prime voci del budget che sono state tagliate negli anni scorsi, per poter far fronte alla crisi economica, sono stati proprio i viaggi, ma gli ultimi dati segnalano una netta inversione di tendenza.

Vacanze famiglie italiane

A diffondere le cifre del turismo in rialzo è stata la Confesercenti. In previsione dell'imminente estate 2015, oltre due terzi (68%) degli italiani ha manifestato l'intenzione di organizzare una vacanza, per un totale superiore a 32 milioni di persone, circa 2 milioni in più in confronto allo scorso anno.

La Confesercenti ha sottolineato però che il budget da destinare ai viaggi rimane limitato. In media ogni persona spenderà circa 840 euro, cifra che risulta inferiore del 18% agli oltre 1000 euro che si spendevano in viaggi cinque anni fa.
Aumenta anche la percentuale di vacanzieri - da 34% a 36% - che ha fissato un massimo di spesa inferiore a quanto speso l'anno passato (mentre un altro 29% intende mantenere inalterato il budget).

Quasi la metà di coloro che partiranno, inoltre, organizzeranno il viaggio in base alla disponibilità economica, che dunque sarà decisiva per quanto riguarda la scelta della destinazione e la durata del soggiorno. 

Per quanto concerne la tipologia di vacanza, quest'anno si tornerà al classico, vale a dire al mare: la spiaggia è la meta prescelta da oltre metà dei vacanzieri.

Quando si parla di regioni, la prediletta resta sempre la Puglia con il 17% delle preferenze complessive, seguita dalla Sicilia con il 14% e dalla Toscana con il 13%.
Al di fuori dei confini nostrani, invece, la Spagna non è più la destinazione che riscuote il maggior successo; un cambiamento significativo, visto che il regno di Filippo VI occupava il primo posto in questa graduatoria addirittura dal 2008. In vetta alle preferenze quest'anno troviamo la Croazia con il 27%, un punto percentuale in più della Spagna, che perde lo scettro ma rimane molto vicina al primo posto. Chi registra un brutto calo è invece la Gran Bretagna, scelta da appena il 4% dei vacanzieri, appena un terzo rispetto al 2014. Numeri positivi per la bistrattata Grecia, che in dodici mesi è salita dal 19% al 23%.

Infine capitolo alloggio: l'albergo rimane la prima scelta per il 36% dei viaggiatori, ma cresce la casa in affitto, passata in appena un anno dal 15% al 25%.

Poi ci sono coloro che in vacanza non andranno. Fra le diverse motivazioni troviamo al primo posto proprio il lavoro: l'11% degli italiani rinuncerà alle ferie per via di impegni lavorativi, la percentuale più alta dal 2010 ad oggi.

Letto 2130 volte Ultima modifica il Giovedì, 25 Giugno 2015 13:21
« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

Hai bisogno di aiuto?

Vuoi maggiori informazioni sui nostri prestiti? Visita le FAQ o contattaci.

Numero Verde Prestiter

Prestiter offre finanziamenti con Cessione del Quinto e Prestito Delega a Dipendenti e Pensionati, in tutta Italia.