Lunedì, 02 Febbraio 2015

Guerrilla gardening e orti verticali

Il verde ritorna nelle città, sia negli spazi pubblici che in quelli privati

Nel primo caso il merito va attribuito al "guerrilla gardening" e ai suoi pionieri, che svolgono delle azioni non propriamente legali per aumentare il verde nelle aree pubbliche che sono state abbandonate.

E le piante stanno tornando ad affacciarsi - in tutti i sensi - anche nelle case, grazie agli orti verticali. Di cosa si tratta? Sono dei semplici orti con uno sviluppo in altezza, che quindi consentono a chiunque abbia un piccolo spazio esterno (come ad esempio un balcone) di coltivare un orticello. Il terreno, insomma, non è più una condizione necessaria e indispensabile per avere un orto. L'opportunità di coltivare in casa gli ortaggi ha effetti benefici anche a livello economico, con la possibilità di risparmiare sulle spese destinate a frutta e verdura.

Orti Verticali

In un orto verticale trovano spazio non soltanto le piante decorative ma anche gli ortaggi di piccole dimensioni, spezie, lattuga ed erbe aromatiche. Creare un orto verticale in casa non è un'operazione difficile: in commercio esiste una gran varietà di strutture da adattare in base alle dimensioni delle terrazze. Una volta montata la struttura, non resta che posizionare contenitori e vasi, scegliere il tipo giusto di terreno e poi piantare ciò che si desidera.

Per sviluppare l'orto in altezza in maniera adeguata è necessario creare dei piani che abbiano sufficiente spazio fra di loro, in modo tale da far giungere alle piante aria e luce in quantità. Da questo punto di vista, una vecchia scala che non si utilizza più può diventare un ottimo supporto, con gli scalini che fungono da ripiani.

Per quanto riguarda i principi coltivazione, sono le stesse valide per un orto di tipo tradizionale, ovvero agevolare il drenaggio dell'acqua e rispettare le stagioni. Con un po' di fortuna, si potrà avere un orto in casa in grado di ravvivare l'abitazione e rendere più verde la città. Quando poi verrà il momento di raccogliere gli ortaggi si potrà godere del frutto del lavoro, e cucinare i propri prodotti sarà senz'altro una soddisfazione in più.

Ma non solo solo gli orti verticali a rendere più verdi le città: in un numero sempre crescente di centri abitati gli spazi abbandonati diventano bersaglio del guerrilla gardening, ovvero di gruppi organizzati di persone che si impossessano di appezzamenti di terra e li utilizzano per far crescere colture e piante.

In diversi casi queste azioni vengono compiute di notte, ma molti gruppi preferiscono invece lavorare alla luce del sole, con l'obiettivo di coinvolgere nel progetto le comunità locali. L'obiettivo è quello di trasformare in giardini e spazi verdi le aree inutilizzate, come avvenuto in un lotto abbandonato a Bowery Houston (New York): nel 1973 il gruppo "Green Guerrilla" ricavò un giardino da quel terreno dismesso e oggi, a distanza di oltre quarant'anni, il giardino esiste ancora e a prendersene cura sono dei volontari, con il supporto del dipartimento parchi newyorchese.

Letto 1893 volte Ultima modifica il Giovedì, 30 Aprile 2015 13:51
« Settembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Hai bisogno di aiuto?

Vuoi maggiori informazioni sui nostri prestiti? Visita le FAQ o contattaci.

Numero Verde Prestiter

Prestiter offre finanziamenti con Cessione del Quinto e Prestito Delega a Dipendenti e Pensionati, in tutta Italia.